DONI E CARISMI DELLO SPIRITO IN DON BOSCO: nella vita, negli scritti e nel suo progetto educativo

(Ricerca ascetica)

ARNALDO PEDRINI

Nei riguardi dell’aspetto naturale e sociale (‘profondamente uomo’) quanto alla vita e all’attività del Santo non sono mancati scritti di apprezzata composizione e talora pagine di felice intuizione quanto alla sua stessa spiritualità, m a è sempre rimasto in ombra — a nostro avviso — quell’inciso ‘ricolmo dei doni dello Spirito santo. Sulla scorta di questa illuminante indicazione o precisazione ‘costituzionale’ ci pare ovvio avviare e in seguito anche completare il discorso, rifacendoci ad alcune significative ‘definizioni’, che vennero date o riferite a Don Bosco proprio sulla specifica tematica, cioè della presenza dei doni e dei carismi dello Spirito del Signore nella sua anima. Ne abbiamo colte alcune: intendiam o illustrarle brevemente, perché non solo Don Bosco fu’ un’anima di Spirito Santo’, m a è stato per la Congregazione salesiana e per il mondo intero “un dono dello Spirito”. Così appunto s’apre il codice di santità salesiana: “Con senso di umile gratitudine crediamo che la Società di San Francesco di Sales è nata non solo da progetto umano, m a per iniziativa di Dio. Per contribuire alla salvezza della gioventù… lo Spirito Santo suscitò, con l’intervento materno di Maria, san Giovanni Bosco”

Continua a leggere qui