(ANS – Quito) – A metà agosto, attorno all’anniversario della nascita di Don Bosco, è tradizione che i gruppi della Famiglia Salesiana presenti in Ecuador, con i loro Consigli, si riuniscano con il Consiglio Ispettoriale dei Salesiani per condividere le proprie iniziative e continuare a rafforzare l’impegno a camminare insieme in una missione condivisa. L’appuntamento si è rinnovato anche quest’anno, sebbene in modalità digitale, e ha visto l’accompagnamento di don Joan Lluís Playá, SDB, Delegato del Rettor Maggiore per la Famiglia Salesiana, che è intervenuto sul tema: “Le sfide per la Famiglia Salesiana dopo il Capitolo Generale 28°”.

Don Playá nel suo discorso ha sottolineato: “Papa Francesco non cessa di lanciare e promuovere una Chiesa proiettata verso l’esterno, in uscita. Come Famiglia Salesiana si tratta di andare incontro al carisma così come è nato, chiedendoci dove lo Spirito Santo vuole portarci oggi, e rispondere, mettendo cuore e fede, con entusiasmo e passione”.

Proseguendo, ha anche evidenziato che “Il Rettor Maggiore al CG28 ha ricordato che la Famiglia Salesiana, insieme al lavoro condiviso con i laici, costituisce il punto di arrivo e la garanzia dell’avanzamento della missione salesiana, per la quale dobbiamo continuare a credere in questa grande famiglia di cui tutti noi siamo parte”.

Quindi ha incoraggiato a ravvivare il dono ricevuto da Dio, come detto da Papa Francesco, rimanendo fedeli ai giovani e allo Spirito Santo; a coltivare quell’atteggiamento contemplativo che permette di scoprire i punti fondamentali e gli sguardi di speranza che i giovani si attendono dai membri della Famiglia Salesiana; e a ravvivare l’“Opzione Valdocco”, cioè recuperare lo spirito di Don Bosco come elemento in grado di generare esperienze trasformanti.

Infine, ha indicato alcuni nuclei che guideranno il lavoro nei prossimi anni:

– Siamo famiglia: comprendere meglio la realtà della Famiglia Salesiana, per conoscerla, amarla e impegnarsi al suo interno.

– Missione e formazione condivisa: avere cause comuni a favore dei destinatari dell’azione della Famiglia Salesiana.

– Vita di comunione: la Chiesa come famiglia dei figli di Dio.

Successivamente è stato lasciato del tempo per riflettere sul discorso del Delegato del Rettor Maggiore per la Famiglia Salesiana, e si è lavorato in gruppi sullo stesso tema. Quindi è stato presentato ufficialmente l’XII Incontro della Famiglia Salesiana Ecuador 2020, che si terrà dall’11 al 13 settembre, ed infine ogni ramo della Famiglia Salesiana ha illustrato le esperienze vissute e le attività condotte durante questo periodo di pandemia.

Il discorso di don Playá è stato trasmesso in diretta attraverso la pagina Facebook Salesianos Ecuador e lì rimane ancora accessibile.